Il tuo migliore amico (del cane) migliora la tua salute durante l'infanzia e la vecchiaia?

Il tuo migliore amico (del cane) migliora la tua salute durante l’infanzia e la vecchiaia?

AMHERST, Massachusetts – Uno scienziato comportamentale dell’Università del Massachusetts Amherst continua la sua ricerca sull’impatto sulle relazioni uomo-animale con due nuovi studi pilota, uno che coinvolge gli anziani e l’altro rivolto alle famiglie con bambini piccoli.

Adulti sani di età compresa tra 70 e 84 anni vengono reclutati per uno studio su stile di vita, cervello e salute cognitiva, che richiede due visite personali a UMass Amherst.

Foto

Assistente Professore di Kinesiologia UMass Amherst, Katie Potter

“Il nostro interesse è nel modo in cui i fattori dello stile di vita, compreso il possesso di animali domestici, influiscono sulla salute cognitiva e sulla salute del cervello nell’età adulta”, afferma Katie Potter, assistente professore di kinesiologia presso la School of Public Health and Health Sciences.

Lo studio riguarderà due gruppi di anziani: quelli che possiedono un cane e quelli che non lo possiedono. I partecipanti completeranno un orientamento di 30 minuti, online o di persona, prima di superare una valutazione delle funzioni fisiche e cognitive presso il Potter’s Behavioral Medicine Lab. Completeranno un pacchetto di sondaggi, porteranno un monitor di attività e registreranno l’attività fisica per sette giorni. Durante la loro ultima visita a UMass, avranno una risonanza magnetica del loro cervello per vederne la struttura e la funzione.

“Vogliamo identificare i fattori di rischio mutevoli per il declino cognitivo in modo da poter creare interventi che aiuteranno le persone a mantenere la salute cerebrale e cognitiva mentre invecchiano”, afferma Potter. “Sappiamo che ci sono alcuni fattori di rischio che non possiamo cambiare, come l’età e la genetica. Ma vogliamo scoprire quali cose possiamo modificare per proteggere il cervello e prevenire o almeno ritardare l’inizio del declino cognitivo. Sorprendentemente, nonostante l’elevata prevalenza della proprietà di animali domestici negli Stati Uniti, ci sono pochissime ricerche su come gli animali domestici influenzino la salute del cervello. Penso che ci siano molti potenziali meccanismi attraverso i quali prendersi cura degli animali domestici può influenzare il cervello e la cognizione: la routine di prendersi cura di loro, la compagnia che forniscono e, con i cani, camminare con loro e connettersi con i vicini mentre camminano. ”

Per il Child-Dog Interaction Study (KID), Potter cerca famiglie con almeno un cane (età minima di 1 anno), almeno un bambino di età compresa tra 3 e 10 anni e un genitore o tutore che sia anche disposto a partecipare. Spera di misurare l’attività fisica che i bambini (e i loro genitori) trascorrono con il cane di famiglia attraverso il gioco e le passeggiate. Vuole anche esaminare come l’interazione con un cane influenzi il benessere psicosociale dei bambini. “Chiederemo ai bambini di parlarci del loro attaccamento o della relazione con il loro cane”, dice Potter.

La famiglia e il cane indosseranno accelerometri Bluetooth o, nel caso di un cane, un collare ai polsi, che monitorerà la quantità e l’intensità del movimento e chi sta svolgendo l’attività insieme.

Mentre Potter afferma che ricerche precedenti suggeriscono che le persone con cani svolgono più attività fisica, diversi studi hanno utilizzato la tecnologia per confermare quanta attività viene svolta con un cane e quanto sia intensa quell’attività.

“La vera novità di questo studio è l’uso di dispositivi Bluetooth su tutti i membri della famiglia, compresi i cani”, afferma Potter. “Conoscere la vicinanza è fondamentale perché anche se un bambino porta un monitor e un monitor per cani, un bambino può correre a scuola mentre un cane corre in casa. Hai bisogno di informazioni di prossimità per sapere che sono attivi insieme. ”

I partecipanti completeranno un orientamento di 30 minuti (virtuale o personale), una sessione personale a UMass per misurare altitudine e peso, completare un sondaggio e scaricare accelerometri e una visita finale a UMass per restituire il dispositivo. La famiglia indosserà monitor di attività per due settimane e il genitore segnalerà tutte le attività di camminata e gioco durante la seconda settimana.

Per i dettagli sulla qualificazione per qualsiasi studio, visitare il sito Web di Potter Lab o inviare un’e-mail a behavioralmedicine@umass.edu.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *