La Beatrice Humane Society stabilisce un nuovo record nell'adozione di animali domestici  Notizie locali

La Beatrice Humane Society stabilisce un nuovo record nell’adozione di animali domestici Notizie locali

Scott Koper caporedattore Daily Sun.

La Beatrice Humane Society ha stabilito record nel 2020 quando ha ospitato più di 1.000 animali durante la pandemia di COVID-19.

E mentre molti rifugi nel paese hanno affrontato un numero ridotto di adozioni nel 2021, il rifugio di Beatrice ha ancora una volta stabilito un nuovo record con quasi 1.200 animali domestici in affidamento.

“Ci siamo davvero avvicinati”, ha detto il direttore del rifugio Carlee Fiddes. “Abbiamo chiuso l’anno con 1.195. Era una di quelle cose in cui continuavamo ad avvicinarci a 1200, e ho chiesto, ‘ce la faremo?’ Ci stavamo avvicinando e abbiamo avuto un fantastico mese di adozione a dicembre. Abbiamo avuto 136 adozioni a dicembre, che è un mese record per noi. Tanti animali che siamo riusciti ad ospitare nelle case vacanza sono stati un grande successo.”

Nel 2020 sono stati adottati 1.060 animali.

Dei 1.195 animali adottati nel 2021, 852 erano gatti, 336 erano cani e il resto erano altri animali, come gerbilli e ratti domestici.

Fiddes ha affermato che il fattore principale nell’adozione dei gatti è l’accordo con PetSmart a Lincoln, che aiuta a trovare case per molti gatti nel rifugio di Beatrice.

Le persone leggono anche…

“Hanno centri di adozione di sette giorni, quindi teniamo gli animali domestici lì e abbiamo fatto 601 adozioni tramite PetSmart”, ha detto. “Ecco perché possiamo salvare tante vite di gatti quante ne facciamo. Se non avessimo l’opzione PetSmart, potremmo non avere risultati sufficienti per il numero di voci che abbiamo. È davvero un ottimo programma a cui abbiamo accesso che ci consente di estendere il nostro salvataggio”.

Fiddes ha affermato che circa 250 gatti sono stati adottati direttamente dal rifugio lo scorso anno, rispetto a un’assunzione annuale di circa 400.

Ha aggiunto che è sorprendente vedere un numero così alto di adozioni nel 2021 dopo l’anno monumentale per il rifugio 2020.

“L’anno scorso eravamo 1.060 e abbiamo pensato che fosse un anno fantastico perché il numero di adozioni in tutto il paese è aumentato durante il COVID”, ha detto. “La gente restava a casa, mangiava, adottava e si innamorava. Quest’anno, questi numeri non sono rimasti gli stessi in tutto il paese. Le adozioni sono diminuite e gli ingressi sono aumentati. Per aumentare ulteriormente quel numero di adozioni, siamo comunque riusciti a mantenere la nostra missione senza uccidere”.

Fiddes ha affermato che nel 2021 27 animali sono stati soppressi, tutti per motivi di salute o comportamentali estremi.

L’anno scorso è stato insolito per il rifugio, perché era per lo più chiuso al pubblico a causa della pandemia.

Il cambiamento chiave è stato che il pubblico non era più autorizzato nei canili. Fiddes ha affermato che l’esito inaspettato è stato che la chiusura del canile ha portato all’adozione di più cani.

“Quest’anno abbiamo fatto qualcosa di diverso a causa del COVID, abbiamo chiuso i nostri canili”, ha detto. “Era una cosa naturale per il COVID. Abbiamo fatto riunioni, abbiamo fatto maschere, abbiamo fatto tutte quelle cose. Quello che abbiamo scoperto quando l’abbiamo fatto è che i nostri cani lo adoravano. I nostri cani disprezzano le persone che camminano sui loro cuccioli tutto il giorno. Abbaiano, saltano, si infastidiscono e le persone non hanno avuto una buona interazione con loro. Non hanno davvero imparato a conoscere il cane.

“Durante il COVID e dopo abbiamo fatto sì che le persone visitassero il nostro sito web. Hanno qualcosa in mente e quando arrivano, i nostri consulenti di affido possono aiutarli a conoscere il cane. Concentrandosi sulle loro personalità, la loro posizione è migliore. Stiamo completando più adozioni e meno ritorni. È davvero una situazione vantaggiosa per tutti”.

Fiddes ha affermato che nel 2021 ci sono state circa 100 adozioni di cani in più rispetto all’anno precedente e resta da vedere se i canili riapriranno mai al pubblico.

Con l’aumento delle adozioni, negli ultimi due anni un numero è diminuito drasticamente, il numero dei volontari.

“Abbiamo iniziato a tornare, ma sicuramente non siamo al livello prima del COVID”, ha detto Fiddes. “È certamente qualcosa che, mentre aiutiamo sempre più animali, dobbiamo capire come coinvolgere nuovamente i volontari, ma fallo di sicuro”.

Ha aggiunto che alcune attività di volontariato possono essere svolte da casa, tra cui l’organizzazione di eventi e l’invio di lettere e note di ringraziamento. Maggiori informazioni sul volontariato possono essere trovate sul sito web del rifugio www.beatricehumanesociety.org.

.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *